Sonia e Christoph: intervista sulla maternità surrogata

video

 
– E ora diamo il benvenuto alla coppia, sono Sonia e Christoph. Buongiorno, Sonia, buongiorno Christoph!

– Buongiorno!

– Grazie per essere con noi questa mattina. Grazie a voi, toccheremo l’argomento che è indubbiamente importante anche se non ne abbiamo parlato dall’inizio della quarantena. Siete in attesa del momento quando riuscirete ad andare in Ucraina a prendere il vostro figlio, concepito in vitro e gestato come parte del programma di maternità surrogata. Dovrebbe nascere molto presto, il 2 maggio, a quanto ho capito. E al momento, i confini dell’Ucraina rimangono chiusi e non avete il permesso per entrare. Questa, ovviamente, è una situazione drammatica che colpisce tutti i genitori i cui figli dovrebbero nascere da madri surrogate, nonché quelli che stanno adottando bambini all’estero. Quindi, torniamo un po’ indietro: avete effettuato le numerose FIVET, avuto molti aborti spontanei, provato ad adottare e così siete arrivati a un programma di maternità surrogata. Avete scelto l’Ucraina, dove, a differenza della Francia, questa procedura è legale e ben organizzata. Siete in buoni rapporti con la vostra madre surrogata, la donna che porta in grembo il vostro bambino? Come è stato la vostra comunicazione con lei dall’inizio della gravidanza?

– Fin dall’inizio della gravidanza, possiamo venire di persona a tutte le ecografie o partecipare tramite videoconferenza. E poi ci sentiamo con lei anche sui social.

– Come si sente la vostra madre surroagta considerando che in Ucraina c’è la quarantena, come dappertutto?

– Beh, aspetta il parto che dovrebbe arrivare presto, il 2 maggio. Ed è un po’ preoccupata per il futuro del bambino. Dice che sono così tanti i bambini che stanno già aspettando i loro genitori. La situazione, ovviamente, è molto stressante sia per lei che per noi.

– Come ho detto, i confini dell’Ucraina ora sono chiusi e Lei, Christoph, ha fatto molti tentativi di venire in Ucraina in tempo per la nascita del bambino. Cosa ha provato a fare e a che punto è adesso?

– … (non si sente cosa sta rispondendo). La sentiamo male, Christoph. Ecco, così meglio, grazie!

– Adesso mi sente meglio?

– Sì, adesso meglio.

– Dunque, ci siamo rivolti all’ambasciata francese in Ucraina. Ci hanno risposto che non potevano fare nulla fino a quando il ministero degli Esteri francese non avesse dato il via libera. Per 3 settimane mandiamo regolarmente le richieste, ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta, fino alla sera di venerdì scorso. Ci è stato negato l’esame della nostra richiesta a causa di misure per prevenire la diffusione del coronavirus.

– Secondo la clinica, i confini possono restare chiusi fino alla fine dell’estate. Ciò significa che i bambini rimarranno senza genitori fino a quel momento. Come vivete questa situazione, di che umore siete?

– Siamo psicologicamente esausti, non dormiamo di notte. Dovremmo aspettare con eccitazione la nascita di nostro figlio, ma temiamo di scoprire che è nato prima di trovare un modo per venire in Ucraina. È un incubo!

– Vi hanno detto chi si occuperà dei bambini in vostra assenza?

– Sì, la clinica ha messo a disposizione una grande stanza nell’hotel che è stata temporaneamente adibita ad asilo. Giorno dopo giorno “l’asilo” si riempie di bambini, ce ne sono già circa 20 nella nostra clinica e le babysitter si prendono cura di loro 24 su 24.

– La clinica vi ha inviato un video assolutamente incredibile da questo “asilo” di Kiev di cui state parlando. Tutti questi bambini sono nati da madri surrogate, i loro genitori provengono da diversi paesi e non possono venire a prenderli. Mostreremo alcune immagini incredibili, presumo che vi facciano commuovere solo guardandole. Siete riusciti a mettervi in contatto con qualcun altro dei genitori?

– Sì, grazie ai social siamo riusciti a trovare una decina di coppie che si trovano nella nostra stessa situazione. Così ci sentiamo e troviamo la forza insieme per lottare per i nostri figli.

– Inoltre, avete un altro problema… Queste immagini mi sconvolgono! Penso che non siano molto incoraggianti neanche per voi?

– No, quando li abbiamo visti, siamo scoppiati a piangere, perché anche se ci sono babysitter, i nostri figli neonati rimangono con persone che non conosciamo e che non abbiamo scelto. Chi lascerà il proprio figlio per qualche mese con la tata non sapendo se vengono rispettati gli standard sanitari? è terribile!

– Vediamo ancora una volta questi scatti, eccoli, questo è il sopranominato “asilo” di Kiev. (mostra video di bambini e tate di Venezia). State ricevendo molti incoraggiamenti nei commenti! Il pubblico del nostro programma vi supporta con tutto il cuore, come noi, nella vostra attesa che sembra infinita. Ci terremo aggiornati sugli sviluppi. Non posso esprimere con le parole come la vostra storia ci abbia sconvolti, siamo con voi!

– Grazie mille!

– Coraggio, speriamo che tutto si risolva presto!