Bambini COVID nati da madri surrogate: Ucraina e America.

Recentemente, sono stati pubblicati su Internet molti articoli e news su una madre surrogata americana e una bambina cinese partorita da lei:

https://www.goodmorningamerica.com/family/story/surrogate-cares-familys-baby-year-due-coronavirus-pandemic-76700690
(articolo originale)

Nel maggio 2020, la venticinquenne Emily Chrislip dell’Idaho (USA) ha dato alla luce una bambina a genitori cinesi. A settembre, la coppia ha scelto questa madre surrogata e quest’ultimo ha portato avanti la gravidanza per loro. Come sapete negli Stati Uniti, una coppia sceglie una madre surrogata e negozia con lei il tutto in privato. La donna racconta così della sua scelta di diventare una madre surrogata: “Sentivo di doverlo fare. Devi voler essere una madre surrogata, perché non è facile”. In quel momento lei non immaginava, che quasi un anno dopo la nascita della bambina, avrebbe dovuto prendersi cura di lei.

“È stato incredibilmente difficile trovare un equilibrio tra la vicinanza di cui ha bisogno il bambino e la distanza di cui ho bisogno io.” A causa del covid-19, i genitori cinesi del bambino non possono ancora venire a prenderla. Ovviamente pagano per il mantenimento della figlia e parlano con lei tramite video.

Della sua esperienza nel prendersi cura della bambina, dice: “La vedo come la figlia di mia cugina. Ci tengo a lei, le voglio bene, ma so che questa non è mia figlia e che appartiene ai suoi genitori “. Emily spera che i suoi genitori arrivino in tempo per il suo compleanno a maggio e possano finalmente vederla e prenderla in braccio.

Ricordiamo che a metà marzo 2020 l’Ucraina, un paese di bambini surrogati, ha chiuso i suoi confini. I centri di fertilità e le cliniche dovevano risolvere il problema della nascita dei bambini. La clinica più famosa Biotexcom ha attrezzato due stanze per bambini nel suo hotel, in cui erano le babysitter e i medici a occuparsi dei bambini nati da madri surrogate, ma non le madri surrogate stesse.

Anche i bambini non potevano essere temporaneamente “ritirati” dai genitori, ma molto dipendeva dall’ambasciata del paese. Molti paesi sono venuti incontro ai genitori e hanno concesso permessi speciali favorendo il loro arrivo il più presto possibile perché si rendevano conto del fatto che i bambini hanno bisogno dell’amore dei genitori. Secondo il proprietario della clinica, Albert Tochilovski, tra i paesi che hanno capito di più i bisogni dei genitori c’erano Stati Uniti, Irlanda, Svezia, Austria. Altri paesi hanno permesso ai genitori di venire a prendere i loro figli più tardi. Molti genitori hanno potuto entrare grazie alle speciali note diplomatiche, anche prima dell’apertura delle frontiere. Inoltre, un filantropo argentino ha organizzato un apposito volo charter per le coppie argentine per permettere loro di prendere i figli.

Inoltre, il proprietario della clinica ucraina riferisce che c’erano circa 40 bambini cinesi nati da madri surrogate presso la clinica BioTexCom durante il blocco. Ma tutti loro sono stati portati via dai genitori cinesi con l’aiuto degli avvocati della clinica e del difensore civico. Il periodo di attesa più lungo per l’arrivo dei genitori cinesi è stato di 4 mesi. Questa era una coppia dalla Cina che non poteva lasciare il paese poiché ricoprono incarichi governativi.
Secondo la clinica stessa, il centro medico ucraino è il leader, ora le coppie cinesi possono venire senza problemi. Non esiste un volo diretto, ma le coppie trovano altre soluzioni.

C’è una nuova impennata dei casi COVID-19 e prima o poi si potrebbe tornare a una situazione in cui molti neonati aspetteranno i loro genitori e festeggeranno i loro compleanni non nella casa dei genitori, ma da qualche altra parte.
I genitori della piccola sono perplessi su come venire a prendere la figlia ed evitare il pericolo di contagio, perché per tornare in patria dovranno fare molti scali. È stato anche riferito che la complessità della loro situazione consiste nel fatto che potrebbero impiegare circa 3 mesi per venire negli Stati Uniti e portare la figlia in Cina.

Non appena ciò sarà possibile, i genitori andranno negli Stati Uniti e vi trascorreranno un po’ di tempo per abituarsi gradualmente e il più possibile senza stress. Emily Chrislip dice: “Disegno diversi scenari nella mia testa e mi emoziono quando ci penso. Posso solo sospettare come sia per loro vedere la figlia per la prima volta. Deve essere una sensazione come nel caso quando potrei vedere mio figlio solo un anno dopo la sua nascita per la prima volta “.