logo
  • Ovodonazione +380970001428 Maternità surrogata +393202877413
    • 26 NOV 17
    Neonati prematuri, 10 cose da sapere

    Neonati prematuri, 10 cose da sapere

    Negli ultimi 20 anni le nascite di bambini prematuri sono in aumento, ma anche le diagnosi più efficaci, grazie a controlli più rigorosi che permettono di riconoscere per tempo eventuali patologie e dunque di procedere con il parto prematuro provocato, se necessario

    Negli ultimi vent’anni le nascite di bambini prematuri sono in aumento. In Africa e in Asia le cause sono spesso legate alla povertà, alla denutrizione e alla mancanza di diagnosi corrette, nei Paesi sviluppati l’incremento è dovuto in parte all’aumento dell’età media in cui si affrontano le gravidanze ma, va detto, anche perché le diagnosi da noi sono più efficaci grazie a controlli più rigorosi che permettono di riconoscere per tempo eventuali patologie e dunque di procedere con il parto prematuro provocato, se necessario.

    Le nascite premature in aumento sono “il problema dell’ostetricia moderna, quello su cui ogni giorno ci diamo da fare”¸ ha detto a Nostrofiglio.it Paolo Cavoretto, ginecologo presso il Centro Salute Feto dell’IRCCS Ospedale San Raffaele. Cavoretto e altri esperti in materia hanno risposto alle 10 domande più frequenti sulle nascite premature.

    Quando si parla di bambini prematuri?

    Una nascita si definisce prematura quando avviene prima della 37esima settimana di gestazione. La maggioranza dei parti prematuri (l’80%) avviene tra la 32esima e la 37esima settimana.

    Quanti parti prematuri ci sono ogni anno?

    Nel mondo nascono ogni anno 15 milioni di bambini prematuri: un milione di loro non ce la fa. In Italia i parti prematuri rappresentano circa il 7% delle nascite totali. Stando alle ultime indagini coordinate dal ministero della salute, riferite al 2013, sono nati 31mila bambini tra la 31esima e la 37esima settimana e 5mila bambini al di sotto della 30sima settimana di vita.

    Qual è il tasso di sopravvivenza dei bimbi prematuri?

    In Italia il tasso di sopravvivenza dei piccoli prematuri è tra i più elevanti al mondo. Supera il 90% anche nel caso di bambini nati pretermine che pesano meno di 1500 gr alla nascita, sostiene Fabio Mosca, direttore della Struttura complessa di Neonatologia e Terapia Intensiva della Mangiagalli di Milano.

    Il tasso di mortalità è legato alle settimane di gestazione?

    “Sì. Ogni settimana pesa con un incremento del 20% nel range di sopravvivenza del neonato”¸ spiega Mosca. Questo significa che se un neonato partorito a 23 settimane di gestazione può sopravvivere solo nel 40% dei casi, a 25 settimane la sua percentuale di sopravvivenza balza già all’80%. “Ogni singolo giorno in più passato nella pancia della mamma è importante per la salute del bambino”, spiega il medico.

    Quali possono essere le cause del parto prematuro?

    “Il parto prematuro può essere provocato dai medici nel caso di patologie croniche della madre che renderebbero insicuro il procedere della gravidanza, come la gestosi, epatiti o un importante e rialzo pressorio. Oppure può avvenire perché sono necessari interventi chirurgici su patologie del feto, che non riesce ad alimentarsi e crescere correttamente. Il parto prematuro può essere anche spontaneo e causato dalla rottura improvvisa del sacco amniotico, dalla cervice corta o da una importante infiammazione uterina, con agenti patogeni che entrano nel liquido amniotico della placenta, infiammano le membrane e il cordone», dice Cavoretto.

    Si può prevenire una nascita prematura?

    “La prevenzione deve riguardare tutte le donne, non solo quelle a rischio (perché primipare attempate o per patologie pre-esistenti)”, dice Cavoretto.

    Le ultime ricerche hanno dimostrato che sono molto importanti gli esami durante la gravidanza: in particolare, le ecografie che monitorino le variazioni della cervice uterina e la ecografia intra-vaginale, la sola in grado di captare un’eventuale cervice corta, che è uno dei fattori più comuni di parto prematuro spontaneo.

    Questi esami devono essere fatti tra la 31esima e la 32esima settimana.

    L’alimentazione e lo stile di vita possono influire sulla nascita prematura?

    Studi recenti hanno dimostrato che gli omega 3 (contenuti ad esempio nel salmone) aumentano la maturità della cervice e riducono le contrazioni uterine, favorendo la produzione di progesterone.

    Inoltre, per diminuire la probabilità di una nascita anticipata valgono le accortezze di sempre: uno stile di vita sano (niente alcol e fumo), alimentazione corretta ed equilibrata con ampio consumo di frutta e verdura, evirare gli stress mentali e la fatica fisica (soprattutto il sollevamento di pesi).

    Rischio di parto prematuro: è sempre necessario il ricovero?

    No. Come dimostrano gli studi medici, solo il 10% di diagnosi di sindrome di parto prematuro si trasforma, entro 10 giorni, in un effettivo parto pre-termine.

    Nella maggior parte dei casi è sufficiente il riposo assoluto a letto per portare la gravidanza a termine. Spesso al riposo si aggiunge il cerchiaggio della cervice, utile a contenere il suo accorciamento: è stato dimostrato che posticipa il parto prematuro.

     

    Quando vengono somministrati farmaci per ritardare la nascita?

    In altri casi, qualora il parto sia imminente ma i medici ritengono opportuno procrastinarlo di qualche settimana, si procede con il ricovero in ospedale e una profilassi a base di steroidi e di magnesio solfato, utili a evitare la contrazione della cervice e lo stress respiratorio del neonato.

    Spesso vengono somministrati anche farmaci per ridurre le contrazioni uterine premature, per prolungare la gravidanza dai 2 ai 7 giorni. Solo in caso di rottura precoce delle membrane, si aggiungono anche antibiotici specifici.

    Come sostenere la mamma di un bimbo prematuro?

    “Tutto passa dalla rassicurazione”, spiega Caterina Mosé, ostetrica dell’Ospedale di Trento. La mamma va accompagnata durante le fasi critiche della gravidanza e nel post-partum, specie se il ricovero del neonato in terapia intensiva è prolungato.

    “Le madri vivono spesso la nascita prematura come un senso di fallimento: è stato dimostrato che le terapie in neonatologia che coinvolgono la madre, come il contatto pelle-a-pelle prolungato, la raccolta del latte materno per la nutrizione (anche nel caso in cui questa avvenga poi con il biberon) e la possibilità di poter stare in reparto senza limiti di tempo favoriscono il benessere della relazione mamma-bambino”.

    Quali possono essere le conseguenze più gravi di un parto prematuro?

    “I primi due o tre minuti dopo il parto sono i più importanti – spiega Mosca – servono mani veloci ed esperte per intervenire e, nel caso, intubare i neonati. Servono ovviamente reparti di neonatologia con infermieri molto specializzati e macchinari adeguati”.

    Di fatto i rischi per il futuro del bambino riguardano soprattutto le patologie respiratorie (dalla displasia broncopolmononare alla bronchiolite che poi causerà l’asma cronica), patologie cardiache e malattie neurologiche che possono comportare ritardi psico-motori seri oltre a sordità o retinopatia (per fortuna, limitati al 10% dei casi di bambini prematuri, di solito quelli con età gestazionale più bassa).

    Fonte: https://www.nostrofiglio.it/neonato/0-3-mesi/prematuro/neonati-prematuri-10-cose-da-sapere